Il sito utilizza i cookie per migliorare i nostri contenuti e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta che tali cookie possono essere installati sul proprio dispositivo. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra privacy policy.

itarzh-CNenfrdeptrues

Rinoplastica primaria

Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria

Rinoplastica secondaria e post-traumatica

Rinoplastica Secondaria
Rinoplastica Secondaria
Rinoplastica Secondaria
Rinoplastica Secondaria
Rinoplastica Secondaria
Rinoplastica Secondaria
Rinoplastica Secondaria
Rinoplastica Secondaria
Rinoplastica Secondaria
Rinoplastica Secondaria
Rinoplastica Secondaria
Rinoplastica Secondaria
Rinoplastica Secondaria
Rinoplastica Secondaria
Rinoplastica Secondaria
Rinoplastica Secondaria
Rinoplastica Secondaria
Rinoplastica Secondaria

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Rinoplastica post-traumatica con deviazione importante (da mettere insieme alle secondarie) Questo paziente ha subito un rilevante trauma che ha peggiorato una deviazione probabilmente già esistente. Inoltre la “busta cutanea” è di grandi dimensioni, su una struttura osteocartilaginea asimmetrica ed anch’essa volumetricamente eccessiva. La punta appare “cadente” ed eccessivamente lunga, a causa della debolezza strutturale del setto distale. Oltre alla deformità estetica, è presente una importante compromissione funzionale, come è evidente in TAC. La correzione di una situazione siffatta comporta la necessità di agire su ogni componente del naso, ossea e cartilaginea, mobilizzando nettamente le ossa nasali, ricostruendo il setto e ristabilendo simmetria delle cartilagini di dorso e punta. Assai importante è l’utilizzo di strumentazioni elettriche e piezoelettriche per l’accurata manipolazione delle ossa nasali. In questo caso, data l’entità della deformità del setto, è stato necessario anche ricorrere ad una componente prelevata dalla costa per dare stabilità e forma al nuovo setto, ricostruito a tavolino e riposizionato nella sua sede.