Il sito utilizza i cookie per migliorare i nostri contenuti e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta che tali cookie possono essere installati sul proprio dispositivo. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra privacy policy.

itarzh-CNenfrdeptrues

Rinoplastica primaria

Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria
Rinoplastica Primaria

Rinoplastica secondaria e post-traumatica

Rinoplastica Secondaria
Rinoplastica Secondaria
Rinoplastica Secondaria
Rinoplastica Secondaria
Rinoplastica Secondaria
Rinoplastica Secondaria
Rinoplastica Secondaria
Rinoplastica Secondaria
Rinoplastica Secondaria
Rinoplastica Secondaria
Rinoplastica Secondaria
Rinoplastica Secondaria
Rinoplastica Secondaria
Rinoplastica Secondaria
Rinoplastica Secondaria
Rinoplastica Secondaria
Rinoplastica Secondaria
Rinoplastica Secondaria

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Questa paziente lamenta un naso “ingombrante”, con un gibbo evidente ed un eccesso di lunghezza e dimensioni. Nella visione anteriore e di tre quarti, si nota l’asimmetria delle linee estetiche del dorso, una modica deviazione ed una punta iperproiettata e globosa, con orientamento “cefalico” (verso l’alto) delle cartilagini alari. La paziente desidera fortemente un risultato naturale, oltre ad un miglioramento della funzione respiratoria. La cute è particolarmente sottile. Anche qui sarà necessaria una rinoplastica strutturale di “ridistribuzione” delle proporzioni. Verranno impiegati vari innesti cartilaginei a provenienza dal setto, spreaders ed autospreaders . La punta verrà rimodellata con “telescopizzazione” delle crura laterali e mediali, oltre che sostenuta con un “septal extension graft”. L’orientamento “cefalico” delle cartilagini alari viene corretto con minimo trim e fini innesti “lateral crural struts” posti sotto le cartilagini stesse.